Bleeding pieces of me

Sharp shards of me Streaming down the coast Screaming for attention Sending frozen shivers across the back Subtlety in the background Silence needing to be extinguished Some dark days ahead, but Surely some light must emerge Shards of me shimmering in the moonlight

Bleeding pieces of me

Una persona su 10 ha tracce di droghe sulle dita

https://www.focus.it/scienza/salute/una-persona-su-10-ha-tracce-di-droghe-sulle-dita?fbclid=IwAR0RpGknANWkimnPYLJYisV6OKt1dU83BpGyolUrM1zGiT8E2xIqTa__Kqk

Cocaina ed eroina sono così diffuse nell’ambiente che anche chi non ne fa uso entra in contatto con queste sostanze attraverso banconote, tavoli e altre superfici. Non è una novità, ma non ci si aspettava di trovarle sulle impronte digitali.

<img src="https://www.focus.it/site_stored/imgs/0005/046/shutterstock_496985848.630×360.jpg&quot; alt="shutterstock_496985848" title="Contaminati e inconsapevoli: tracce di stupefacenti sulle impronte digitali di più di una persona su 10. Guarda anche: <a href="https://www.focus.it/scienza/salute/25092011-1416-278-ti-sei-lavato-le-mani">come lavarsi le mani correttamente

Contaminati e inconsapevoli: tracce di stupefacenti sulle impronte digitali di più di una persona su 10. Guarda anche: come lavarsi le mani correttamente. | Shutterstock

L’utilizzo di stupefacenti è ormai talmente diffuso che il 13% di chi non ne assume ha comunque tracce di cocaina sulla punta delle dita (e l’1%, di eroina). Lo hanno scoperto i ricercatori dell’Università del Surrey (Regno Unito) mentre perfezionavano un test per rilevare i consumatori di sostanze attraverso una rapida analisi delle impronte digitali.


Cocaina e cervello: all’origine del rischio di ricaduta


Toccata, o sudata? Il team stava cercando un modo definitivo per distinguere tra chi entra in contatto con cocaina ed eroina attraverso contaminazioni ambientali e chi invece è un normale utilizzatore di queste sostanze: ci sono riusciti stabilendo una “soglia limite” che riveli un genuino consumo, e distinguendo tra le tracce superficiali presenti sulla pelle e quelle secrete attraverso il sudore quando le droghe vengono “smaltite” dall’organismo. Ma è stato il dato sulla quantità di sostanze disperse nell’ambiente, a lasciare di stucco.

I ricercatori hanno prelevato tamponi di impronte digitali dalle mani non lavate di 50 persone che non facevano uso di droghe e di 15 persone che ne avevano assunte nelle 24 ore precedenti. Il 13% dei non utilizzatori mostrava comunque sulle mani tracce dei metaboliti (cioè prodotti mediante il metabolismo) della cocaina: la contaminazione avviene probabilmente attraverso le banconote, ma anche per il contatto con tavoli e altri oggetti “sporchi”.

Da dove viene? Secondo uno studio del 2011, l’11% delle banconote britanniche entra in contatto con cocaina o altre droghe; ricerche più recenti hanno trovato tracce di stupefacenti su 8 banconote americane su 10 (ma la contaminazione potrebbe riguardare tutti i luoghi di ampio scambio e contatto, non ultimi i banconi dell’happy hour, le superfici delle metropolitane…).

Colpo di spugna. Quando invece i volontari si sono lavati accuratamente le mani, il test ha permesso di identificare correttamente l’87,5% degli utilizzatori di cocaina e il 100% di quelli di eroina. Test come questi potrebbero essere utilizzati in ambito forense o per fare emergere comportamenti illegali, come il consumo di stupefacenti sui luoghi di lavoro, nelle carceri o in altri contesti pubblici.

Helicopter Technique Metaphor: 10 useful options for navigating difficult conversations

This post was authored by Anne-Maartje Oud and Joe Navarro.

https://www.jnforensics.com/post/the-helicopter-technique-metaphor-ten-useful-options-for-navigating-difficult-conversations

We’ve all been there. Stuck in a difficult conversation. Whether you are a manager mediating a conflict between team members, a parent figuring out what happened between playmates, or a sales representative trying to understand a disgruntled customer. Suddenly there is this moment in the conversation where unexpectedly you get stuck. The facts may not be clear, each side is saying something different, and you don’t know what to do or say. Try out the “Helicopter Technique”; it’s perfect for those occasions.

The helicopter, in this case, is merely a metaphor to remind us of all the things you can do during a difficult conversation to get unstuck, move about, and maneuver. And like a helicopter, you don’t have to go in one direction, you can quickly maneuver, circle out wider to encompass more details, go high for a better overall view, draw near for greater focus, or even fly backward to revisit a topic. It is also a reminder that you have license to be more agile in your approach, where you can try different vectors to get information or to get people to open up. 

The helicopter technique or analogy is a helpful image in those moments when you feel like you are not making progress, when feelings overwhelm, or emotions start to dominate. In those moments when you feel that something different is needed, let that image of the helicopter act as a mental catalyst to get you back on track. Here is how it plays out in practice:

1. Flight agility: A helicopter basically can go anywhere, with precision, and you don’t even need a runway. People try to prepare for “difficult” conversations, and it is recommended, but that’s not always possible. Sometimes you’re suddenly in the middle of something you were not expecting, and it is up to you to bring clarity. If you get stuck, think of that agile helicopter. It can reassure you and remind you: I got this, I can lift off and take a look from above, take myself out of it for a minute, circle about while I think about what to do next. Just like a pilot, take the time to develop situational awareness so that you can better engage but always in control even if at the moment we are not making headway.

2. Precise yet delicate steering: Flying a helicopter requires that you be focused while fully engaged. You need both hands and both feet to subtly steer. This metaphor helps us to remember that during a difficult conversation, we need to be subtle and thoughtful, with a focused mind, but we also need to be precise. Make sure you are calm and neutral. Your phone is off, your desk is clear, make sure you take notes if necessary. Be aware of your own body language. Show an engaging posture and make eye contact. Nuance is key to flying helicopters and also for dealing with others—your movements are smooth as is the conversation.

3. Flying high: Flying high gives us an opportunity to have a greater overview. You can look at content/feelings/thoughts/setting like a helicopter from above. You assess the situation more broadly to see what else or who else is a factor. You listen and observe by expanding the view as if high above. Analyzing all the topics that are mentioned or not mentioned while also looking at nonverbals. Ask exploring questions to create an outline of the “problem.” As with a helicopter, you want to have a general familiarity with the general area as well as where you are headed. 

4. Flying low: Flying low is an analogy for taking the opportunity to scrutinize the matter being discussed with greater precision. When you see or hear something that stands out, you go into detail during the conversation. What needs to be investigated according to you? Ask exploring questions. “What do you mean by that? Could you elaborate on that? Why do you raise your voice on this particular topic? As with a helicopter, flying low makes you see the details that need greater scrutiny.

5. Hovering: A helicopter has the amazing ability to stay in one place virtually motionless. Hovering gives you that extra time to observe and analyze more deeply. When using this technique, you pause and don’t say anything. You loiter. You listen, watch and observe, but you do not act. Sometimes we need to hover to get the facts straight. We are there but just off to the side as participants talk and discuss. We use silence strategically to get others to open up.

6. Flying backward: During the conversation, you might want to take a step back. Explore what has already been said or reported. For example, you ask the person to repeat what was just said. Or you see something non-verbal you want to address. If the person rolls their eyes when asked a question, without revealing what you saw you ask, “How do you feel about what I just asked?” As rolling of the eyes is often associated with disregard or contempt. As with flying a helicopter, you have the freedom to “back it up” and revisit a topic of interest.

7. Getting out of the helicopter. As with a helicopter, some offices are too noisy or there are too many distractions. So, you land, get out and go for a walk or go to a different setting. You are in control and if it requires a private space, a quiet place, you figuratively land and find that perfect place to conduct your interview. A bad location can be as adverse for an interview as bad weather is for flying.

8. Flying away: You are the pilot in this conversation, and you have a choice. You don’t have to have the difficult conversation there and then. You can take a break. You can leave the setting. You might choose to stop the conversation because of rising and intense emotions. You might feel you are not focused enough, or you might want to take the time to think about possible solutions. You can always ask to meet up at a different time and place. You can even grab a cup of coffee for a few minutes. Sometimes it is better to fly away and do the interview another day.

9. Limiting baggage: Sometimes it is helpful to remember what happened in the past. What’s dragging down this difficult conversation? How much emotional baggage or cargo do the parties involved bring to this conversation? How long have they been intransigent or even feuding—hours, days, months? Heavy cargo keeps a helicopter from flying, so too from solving problems. Resolve to unload the emotional baggage first.

10. Chart the course: After the conversation, you still have the responsibility to orchestrate your next steps. You consider what has been said, what else needs to be done, and how you desire to accomplish that. Perhaps it is more interviews or more facts that are needed or merely the opportunity to take action. As with any flight, you prepare in advance for what is next, and that helicopter image reminds you that planning is key.

Conclusion: For most of us, we can get by without having to resort to formality, even with difficult conversations. But if you ever get stuck, think of that image, that helicopter and what it can do, and remind yourself, “I got this, I actually have a lot of options available to me”—there is a way through.

###

Anne-Maartje Oud is the founder and director of The Behaviour Company, a worldwide consultancy on best-practices and human behavior. Anne-Maartje Oud may be reached directly at anne-maartje@behaviourcompany.eu or on Twitter @BehaviourC. Find out more about live training events in 2020 here.

Quote of the day 08/25/2020

Solo chi è felice è attratto da individui felici.
Il simile attrae il suo simile. Le persone intelligenti si sentono attratte dalle persone intelligenti, la gente stupida è attratta dagli stupidi.Incontri gente del tuo stesso livello. Quindi la prima cosa da ricordare è: una relazione cresciuta nell’infelicità non potrà che essere amara. Prima sii felice, sii gioioso, festoso; solo allora troverai un’altra anima gioiosa e vi sarà l’incontro di due anime danzanti, e da questo nascerà un’immensa danza.Non cercate una relazione perché siete soli, no. In questo caso vi muoverete nella direzione sbagliata: userete l’altro come un mezzo, e l’altro userà voi come un mezzo. E nessuno vuole essere usato come un mezzo! Ogni singolo individuo è fine a se stesso.È immorale usare l’altro come un mezzo.Prima imparate ad essere soli. La meditazione è un modo per essere soli.E se riuscite ad essere felici in solitudine, avrete imparato il segreto dell’essere felici. Ora potrete essere felici insieme. Soltanto se siete felici avete qualcosa da condividere, da dare.E quando dai, ricevi: non è mai il contrario. Allora nasce il bisogno di amare qualcuno.Normalmente il bisogno è di essere amato da qualcuno.È un bisogno sbagliato. È un bisogno infantile: non sei maturo.È un atteggiamento da bambino.Nasce un bambino. Ovviamente il bambino non è in grado di amare la madre; non sa cos’è l’amore e non sa chi sono la madre o il padre. È completamente inerme. Il suo essere deve ancora integrarsi: non è un individuo, non è ancora un insieme.È soltanto una possibilità. Bisogna che la madre lo ami, che il padre lo ami, che la famiglia inondi il bambino d’amore.Per cui impara una cosa: che tutti lo devono amare.E nessuno gli insegna mai che lui deve amare. Adesso il bambino crescerà, e se rimarrà fissato in questo atteggiamento, secondo cui tutti lo devono amare, soffrirà per tutta la vita il suo corpo crescerà, ma la sua mente rimarrà immatura.Un individuo maturo giunge a capire l’altro tipo di bisogno:quello di amare qualcuno.Il bisogno di essere amato è infantile, immaturo.Il bisogno di amare è indice di maturità.E quando sei pronto ad amare qualcuno, nasce una bellissima relazione, altrimenti no.“È possibile che in una relazione due persone si facciano del male a vicenda?” Sì, è quel che succede in tutto il mondo.Essere un bene per l’altro è molto difficile. Non sei buono nemmeno con te stesso, come puoi essere buono con l’altro?Non ami nemmeno te stesso, come puoi amare qualcun altro? Ama te stesso, sii buono con te stesso.I vostri cosiddetti santi vi hanno insegnato a non amare voi stessi, a non essere mai buoni con voi stessi. Dicono: Sii duro con te stesso! Vi hanno insegnato a essere gentili verso gli altri e duri verso voi stessi. Questo è assurdo.Io vi insegno che la prima cosa – e la più importante – è essere amorevoli verso se stessi. Non essere duro, sii morbido. Prenditi cura di te stesso. Impara a perdonare le tue debolezze un giorno dopo l’altro, e poi ancora – sette volte, settantasette volte, settecentosettantasette volte. Impara a perdonare te stesso.Non essere duro: non essere inconflitto con te stesso.Allora fiorirai.E in questo fiorire, attirerai altri fiori. È naturale. Le pietre attraggono le pietre, i fiori attraggono i fiori. Quindi sorgerà una relazione che ha una grazia, che possiede una bellezza, che contiene in sé una benedizione. E se riesci a trovare una relazione simile, la tua relazione maturerà verso la preghiera, il tuo amore diverrà estasi, e attraverso l’amore conoscerai il divino.

Quote of the day 08/21/20

Coloro che dicono «Lo farò», che sono disposti ad affrontare una sfida anche se soli, sono vincitori. La determinazione, l’impegno di agire per primi, è la forza che porta alla vittoria. Come insegna il Buddismo con il principio per cui un istante di vita racchiude tremila regni, la nostra mente o l’atteggiamento possono cambiare qualsiasi cosa.

Quote of the Day 08/09/2020

“Non aspettare di finire l’università, di innamorarti, di trovare lavoro, di sposarti, di avere figli, di vederli sistemati, di perdere quei dieci chili, che arrivi il venerdì sera o la domenica mattina, la primavera, l’estate, l’autunno o l’inverno.

Non c’è momento migliore di questo per essere felice.

La felicità è un percorso, non una destinazione. Lavora come se non avessi bisogno di denaro, ama come se non ti avessero mai ferito e balla, come se non ti vedesse nessuno.

Ricordati che la pelle avvizzisce, i capelli diventano bianchi e i giorni diventano anni. Ma l’importante non cambia: la tua forza e la tua convinzione non hanno età.

Il tuo spirito è il piumino che tira via qualsiasi ragnatela.

Dietro ogni traguardo c’è una nuova partenza.

Dietro ogni risultato c’è un’altra sfida. Finché sei vivo, sentiti vivo. Vai avanti, anche quando tutti si aspettano che lasci perdere.” (Madre Teresa di Calcutta)

NYC’s Subway

Pagine di storia/ La metro di New York e pizza: ci siamo tanto amate

da Streets Of New York di Filomena Troiano – 11 Marzo 2016 73

In molti modi, la NY Subway è un’attrazione come la Statua della Libertà o l’Empire State Building, e i segreti e le storie che l’hanno caratterizzata negli anni, sono affascinanti. 

Alle 14:35 del 27 ottobre 1904, l’allora sindaco di New York City George McClellan inaugura il più innovativo sistema di trasporto pubblico della città: la metropolitana.
Mentre Londra vantava la rete più antica (aperta nel 1863) e Boston era stata pioniera negli Stati Uniti (1897), la subway di New York divenne ben presto la più grande struttura sotterranea americana. Oggi, con 469 stazioni e 24 linee, che si traducono in 1.060 chilometri di rotaie, è la più grande del mondo. Se si tentasse di allungarare l’intera ragnatela di ferro in una linea retta, si potrebbe raggiungere Chicago. 
Ogni giorno, circa 4,5 milioni di passeggeri si affollano ai tornelli funzionanti 24 ore al giorno, sette giorni a settimana, tutto l’anno. Non importa quanto affollata o sporca, la metro di questa città è un’istituzione. Con i suoi racconti e vicende è entrata di diritto nella vita di chi la abita e di cui pochi potrebbero fare a meno.
D’altronde quale altra metro ha potuto disporre di vagoni-bar e servire champagne ai propri passeggeri? Quale altra può vantare di aver prestato il palco ad un romantico Crocodile Dundee? Senza escludere Hoyt Sation nel cuore di Brooklyn, dove Michael Jackson ha fatto di “Bad” il video simbolo della musica pop. Indiscrezioni raccontano inoltre, che l’ex presidente americano Franklin D. Roosevelt si servisse spesso di una stazione segreta, costruita sotto l’hotel Waldorf-Astoria, per evitare di essere visto sulla sedia a rotelle. È utile sapere poi che il valore della New York style pizza è proporzionale a quello di un suo biglietto singolo. 
Stand clear of the closing doors please!

BEAUX ART A CITY HALL STATION 
CITY HALL STATION
Sotto molti metri di asfalto del suolo di Manhattan esiste un segreto molto bello, rimasto nascosto alla vista del pubblico per quasi 70 anni. È la vecchia City Hall Station. La fermata (nella zona del municipio della città, a sud) inutilizzata dal 1940 perché diventata incompatibile con vagoni più moderni, si qualifca come la più bella di tutte le stazioni. Preservata meravigliosamente nel tempo infatti, è caratterizzata da soffitti a botte rivestiti di fini piastrelle di ceramica con ricche rifiniture in ottone. Oggi chi è a conoscenza di questo “segreto” può servirsi del treno nr. 6 (della linea di colore verde) per ammirare, soltanto dai finestrini purtroppo, la bellezza di un magnifico esempio di architettura della Golden Age di New York.

MISS SUBWAYS

Dal 1941 al 1976, il New York City Transit Authority ha sponsorizzato “Miss Subways”. Un vero e proprio concorso di bellezza a cui ogni mese partecipavano modelli, animatori, gente comune e una grossa chance di promozione per chi, eletta le più bella, veniva premiata con l’esposizione della propria foto e curriculum in tutta la metropolitana. Il concorso, per esempio, ha dato voce a personaggi come l’attrice Mona Freeman (Rotten Tomatoes) e incoronato reginetta del mese Ellen Goodman, vincitrice di un Premio Pulitzer. Successivamente, Miss Subways ha ispirato il musical di Broadway “On the Town”.

“THE PIZZA PRINCIPLE”
Il cosiddetto “principio della pizza” è un concetto che lega due simboli della Grande Mela, il trancio di pizza e la subway appunto. Formulata nel 1980 da un avvocato di New York, Eric M. Bram, questa simpatica “legge economica” afferma che il prezzo di una singola fetta di pizza, con pomodoro e mozzarella, influenza con precisione matematica il costo di una corsa della metropolitana. In altre parole quando una aumenta l’altra tende a seguire. Ad oggi, al prezzo di 2 dollari e 75 centesimi, il concetto rimane saldo al suo posto, senza smentite.

CHAMPAGNE A BORDO 
champagne
Sorseggiare una bevanda alcolica in metropolitana oggi quasi sicuramente costerebbe una multa salata, se non addirittura la galera. Non è sempre stato così però. Nei primi degli Anni Sessanta, la subway di New York intraprese una importante campagna di promozione per cui fu realizzata una spassosa linea con a bordo vagoni-bar. L’equivalente di una vettura di prima classe, la carrozza bar era adornata con morbide moquette, ricche tende drappeggiate e illuminazione color pastello. La caratteristica singolare era rappresentata dal barista che con tanto di vassoio a braccio serviva champagne e tarallini ai passeggeri. Il tragitto riservato alla “subway alcolica” iniziava a Times Square (oggi la fermata più affollata in assoluto di tutto il sistema) e raggiungeva, in dieci fermate circa, South Ferry (l’ultima fermata a sud di Manhattan, quella che oggi è la linea 1,2,3 di colore rosso). Qualcuno, si prova ad immagnare, avrà mancato la fermata!

LA FERMATA DEL FUTURO
Esiste una linea che rimane in costruzione dal lontano 1919. È la cosiddetta Second Avenue Line che potrebbe finalmente vedersi attivare le rotaie alla fine di quest’anno. Progettata con tre percorsi diversi al suo interno, quella che si chiamerà Linea Q, potrebbe rappresentare una rivoluzione nel campo del mercato immobiliare e non solo. Permetterebbe infatti a chi vive oltre il confine del zona della Lower East Side (sud est del’isola) di collegarsi al resto della città e sentirsi meno isolato.

È bene appuntarsi che mettere i piedi a riposo sui sedili delle metropolitana di New York, non è solo un atto di maleducazione, significa arresto.

75 Years Ago — Remembering Hiroshima (August 6 1945) — Intel Today

“The use of this barbarous weapon at Hiroshima and Nagasaki was of no material assistance in our war against Japan. The Japanese were already defeated and ready to surrender.” US Admiral William Leahy “I voiced to him my grave misgivings, first on the basis of my belief that Japan was already defeated and that dropping […]

75 Years Ago — Remembering Hiroshima (August 6 1945) — Intel Today

Quote of the Day 07/26/20

«Sapere non permette sempre di impedire, ma almeno le cose che sappiamo le teniamo, se non tra le mani, almeno nel pensiero dove le disponiamo a nostro piacere, cosa che ci dà l’illusione di una specie di potere su di esse.» Marcel Proust